• Duomo Spoleto
  • Ponte delle Torri e Rocca Albornoziana
quote_openIn un momento dove la politica sembra essere distante dai cittadini, bisogna ripartire dalle idee sane e dare fiducia agli uomini che la meritano: chi può documentare il proprio impegno quotidiano nel tempo, offre una garanzia per quello che farà in futuro.quote_close

Giampiero Panfili

Interpellanza urgente su situazione Banca Popolare di Spoleto

Articolo inserito giovedì 14 marzo 2013

PREMESSO:

che la Banca Popolare di Spoleto (BPS) è un istituto di credito intimamente legato non soltanto al territorio locale ma certamente in modo più ampio anche a quello regionale;

che l’attività della BPS costituisce da sempre un insostituibile riferimento per tante imprese e tante famiglie;

che il ruolo della BPS è di fondamentale importanza per l’economia locale ed umbra, creando sul territorio lavoro ed indotto di grande rilievo e rappresentando uno degli Istituti di credito più vicini al sistema produttivo e imprenditoriale del territorio regionale in questi tempi così profondamente provato dalla crisi economica.

RITENUTO:

che l’Amministrazione provinciale, per i sovra citati motivi, come ente di area vasta, è tenuta a seguire con attenzione e impegno l’evolversi della situazione che attualmente investe la Banca Popolare di Spoleto, entrata in amministrazione controllata dopo lo scioglimento degli organi di amministrazione e controllo, disposto dal ministro dell'Economia e delle Finanze, con decreto dell’8 febbraio 2013, su proposta della Banca d'Italia.

VISTO:

la relazione del sindaco della città di Spoleto che ha riferito il contenuto del colloquio con i Commissari nominati da Bankitalia per l’amministrazione straordinaria della Banca Popolare di Spoleto;

l’ordine del giorno votato all’unanimità dei presenti dal Consiglio Comunale di Spoleto in data 21 febbraio 2013 che impegna:

-    il Sindaco e la Giunta ad attivarsi con tutte le possibili iniziative istituzionali ritenute utili per sostenere ed agevolare il compito dei commissari per la conclusione più rapida possibile della fase di amministrazione straordinaria che deve necessariamente espletarsi secondo gli indirizzi di Banca d’Italia e quindi regolarizzando l’attività aziendale senza far venir meno alla Banca Popolare di Spoleto la fisionomia ed il ruolo di banca del territorio;

-    il Sindaco a mantenere costante l’interlocuzione con i Commissari designati da Banca d’Italia aggiornando il Consiglio Comunale sull’evolversi della situazione e sulle iniziative intraprese dalla Amministrazione Comunale a garanzia dei soci, dei dipendenti, dei risparmiatori e delle aziende locali.

ESPRIMENDO:

piena fiducia sull’operato della Banca d’Italia e sugli Organi straordinari, insediati in data 12 febbraio 2013, che stanno operando sotto la supervisione della Banca d'Italia medesima per garantire la regolarità dell’attività della Banca Popolare di Spoleto;

APPREZZANDO e CONDIVIDENDO

l’indirizzo dato ai Commissari da Banca d’Italia per esperire ogni utile azione finalizzata a mantenere il profilo territoriale della Banca Popolare di Spoleto

EVIDENZIANDO:

che è indispensabile che la nuova governance della BPS permanga nel territorio di Spoleto, dove è nata ed opera da oltre un secolo, a tutela dei diritti dei soci e dei risparmiatori, dei dipendenti e del tessuto economico produttivo locale.

I CONSIGLIERI PROVINCIALI LAURA ZAMPA E MASSIMILIANO CAPITANI (GRUPPO PD) E GIAMPIERO PANFILI (GRUPPO PDL) INTERPELLANO IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA SE ED IN QUALE MODO INTENDA

1.    affiancare il Sindaco di Spoleto in ogni possibile iniziativa istituzionale ritenuta utile a sostenere ed agevolare il compito dei commissari per la conclusione più rapida possibile della fase di amministrazione straordinaria che deve necessariamente espletarsi secondo gli indirizzi di Banca d’Italia e quindi regolarizzando l’attività aziendale senza far venir meno alla Banca Popolare di Spoleto la fisionomia ed il ruolo di banca del territorio;

2.    porre in essere con il Sindaco di Spoleto e la Presidente della Regione Umbria iniziative a garanzia e a tutela dei diritti dei soci e dei risparmiatori, dei dipendenti e del tessuto economico produttivo locale.